Aiuto

al webmaster: rientro in Italia per ritirare pds

RSS
Autore
Giorno e Ora
Messaggio Operazioni
Francesca Ranciaro
female
lunabella.p@libero.it
Lara72

Vi scrivo da parte di mia madre che non è tanto brava sui forum...Un anno e mezzo fa mia madre ha conosciuto, tramite conoscenti della chiesa ortodossa di Roma,una sig.ra russa con gravi problemi familiari (non economici) che voleva venire a vivere e a lavorarein Italia .A mia mamma è piaciuta molto e,dato che in quel periodo aveva iniziato a cercare una badante (nipotini in arrivo,nonna sempre meno dipendente,pappà acciaccato), ha deciso di assumerla. In attesa del permesso di soggiorno,dopo regolare assunzione,mia mamma ha rimandato in Russia la sig.ra per permetterle di risolvere i suoi problemi.Una volta pronto il permesso di soggiorno mia mamma,forse sbagliando,ha suggerito di rientrare in Italia con un visto turistico,per ritirare il pds e iniziare a lavorare da noi.Inutile precisare che la sig.ra Irina,di 57 anni,non è nè una maitresse nè una pellegrina,ma una persona di grandissima fiducia.Ebbene,colpo di scena:dopo averle concesso il visto per l'Italia in precedenza,ora c'è stato un piccolo interrogatorio.Cortese,per carità,ma senza risposta definitiva.Mia madre ha chiamato il consolato e ha inviato un fax di precisazioni e ha parlato con il responsabile dell'ufficio visti:il gelo.Nè si,nè no.Intanto lei aveva già acquistato il famoso pacchetto turistico,aereo incluso,per il 13/7.Ma perchè il consolato di san Pietroburgo impedisce che le persone per bene si aiutino reciprocamente?Cosa altro possiamo fare per far rientrare in Italia una badante già assunta e regolarizzata? Confidiamo in un consiglio di voi esperti...Grazie